Capodanno in spiaggia: benvenuti in Thailandia!

By  |  0 Comments

30 dicembre 2015, finiti giorni e giorni di abbuffate natalizie, serate a giocare a carte, regali, fiocchi, nastri e pronti per la classica domanda… Che fai a Capodanno? Prendo un volo per la Thailandia. Così, metti un pomeriggio di fine dicembre, ancora abbastanza caldo a Roma da non farmi capire che in realtà dovrebbe essere pieno inverno, una valigia piena di costumi, circa 18 ore di volo (compreso lo scalo), 6 ore di fuso in più rispetto all’Italia e otterrai… Mari da favola, templi dorati e pieni di draghi, Buddha giganteschi, pesci coloratissimi, coralli a forma di fiore, tartarughe con cui nuotare e sole, caldo, tende perdute in spiagge incontaminate per dormire sotto le stelle, notti in barca in baie illuminate solo dalla Luna e in porti sicuri tra aperitivi e tramonti mozzafiato, massaggi, gentilezza… Perché i thailandesi sono così, semplici ma generosissimi. E ancora street food in ogni dove, di ogni tipo, così diverso dal nostro approccio al pasto ma così bello (e buono, fatta eccezione per cavallette e altri tipi di insetti tanto amati lì!!!) da farti desiderare di assaggiare ad ogni banchetto qualche loro specialità.

E poi, panorami. Di quelli che non scordi facilmente, dalle caratteristiche rocce nel mare delle isole di fronte Krabi (tra cui la celebre Phi Phi Island) alla natura selvaggia, quasi prepotente delle Surin, dove animali, alberi, foglie sono giganteschi, protagonisti indiscussi di un territorio in cui l’uomo ha messo (per fortuna) pochissimo la sua mano.

E infine colori, quello del mare, luccicante nella luce del Sole è quello che ho guardato più a lungo, per ore; tanto da avere le mani screpolate dall’acqua anche tornata a Roma. Quello della sabbia, bianchissima e impalpabile. Quello della mia pelle, luccicante dopo il primo pomeriggio in spiaggia e quello delle stelle, che per rimanere a guardare mi scordavo di dover dormire…

Cibi “non identificati” (aiuto!!!), tanto per capire cavallette, larve, insetti vari e strani animali preistorici!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

function add_mod_hatom_data($content) { $iso8601_date = get_the_time('c'); $author = get_the_author(); $title = get_the_title(); if( is_single() || is_page() ) { $content .= '
'.$title.' ultima modifica: '.$iso8601_date.' da '.$author.'
'; } return $content; } add_filter('the_content', 'add_mod_hatom_data');